Come scegliere un monolocale e arredarlo senza commettere errori

Grande o piccolo che sia, il monolocale ha il suo fascino!

E' essenziale scegliere il monolocale e arredarlo secondo le proprie esigenze, facendo convivere stile, funzionalità e comodità, abbandonando per sempre l'idea di spazio angusto e poco vivibile
Come scegliere un monolocale e arredarlo senza commettere errori

PERCHE' SCEGLIERE UN MONOLOCALE COME ABITAZIONE

I motivi per scegliere un monovano come abitazione sono diversi.

Spesso un monolocale si sceglie come soluzione aggiuntiva ad un'abitazione principale, perché lontana dal posto di lavoro.
In questo caso il monolocale è l'abitazione in cui passare l'intera settimana lavorativa, per poi lasciarla il fine settimana. Una soluzione compatta potrebbe essere l'ideale sia dal punto di vista economico che funzionale.

Scegliere e arredare un monolocale compatto


A volte si preferisce una piccola abitazione, pratica e funzionale, ad una più grande, per una questione economica. La scelta migliore è un piccolo monovano con soffitti alti, in modo da avere un costo contenuto e sfruttare lo spazio in l'altezza. Con questa soluzione la zona giorno e la zona notte sono ben distinte e separate da una scala interna.

Altre volte, scegliere un monolocale è una soluzione strategica per accorciare le distanze tra il posto di lavoro e dei servizi, rispetto ad un'abitazione, sì più grande, ma anche più distante da dove si svolge la quotidianità. Scegliere un monolocale diventa l'unica soluzione possibile. In questo caso il monovano deve essere di medie dimensioni, comodo e funzionale per poter vivere comodamente la quotidianità. 
 
Scegliere e arredare un monolocale di medie dimensioni

COME SCEGLIERE IL MONOLOCALE PERFETTO

Ogni monolocale ha i suoi punti forza e i suoi difetti sui quali lavorare per trasformarli in pregi.

  • MONOLOCALE PICCOLO CON SOFFITTI ALTI

E il caso dei monolocali ricavati dal frazionamento di grandi appartamenti d'epoca o dalla strasformazione dei locali di servizio dei palazzi d'epoca collocati al piano terrano.
L'altezza dei soffitti in genere non è inferiore a metri 4,60. Ciò permettere di sfrutture lo spazio in altezza creando un soppalco e dividendo la zona giorno dalla zona notte.
In questo modo scegliere un monolocale piccolo, ma soppalcabile, trasforma il difetto della dimensione in un punto di forza.
  • MONOLOCALE DI MEDIE DIMENSIONI

Il monolocale di medie dimensioni permette di dividere lo spazio secondo le proprie necessità. La zona notte e la zona giorno saranno sullo stesso piano, ma si potranno creare nicchie e riseghe da sfruttare per armadi o scaffalature.
  • MONOLOCALE COMPATTO

Il monolocale compatto è molto piccolo. Anche in questo caso le soluzioni per renderlo vivibile e accattivante non mancano.
Sarà la scelta degli arrredi a dividere virtualmente lo spazio senza rinunciare alle comodità.

COME ARREDARE UN MONOLOCALE SENZA COMMETTERE ERRORI

Le scelte cromatiche, lo studio della luce e le scelte d'arredo per valorizzare il monolocale sono di fondamentale importanza.

  • LE SCELTE CROMATICHE

    Qualunque sia la tipologia di monolocale, il colore di fondo deve essere molto chiaro per dare luminosità e volume all'ambiente. La scelta migliore è utilizzare sulle pareti il bianco come colore dominante e, secondo la tipologia di monolocale, creare delle macchie di colore sulle pareti (anche utilizzando della carta da parati) per rendere più accogliente e meno anonimo l'ambiente. 

    Al di là della scelta cromatica, ricordiamo sempre di scegliere la tipologia giusta di pittura in funzione delle caratteristiche strutturali dell'ambiente.

    Per i pavimenti, oltre al classico bianco, si può scegliere tra un'ampia varietà di colori neutri e stonalizzati. Oppure ricorrere all'effetto legno dalle tonalità chiare.

    Nell'arredamento, il bianco sarà sempre il colore principale, mentre per i dettagli si possono scegliere tra i legni e la varietà di colori dalle tonalità tenui, come i tortora, i grigi, i verdi menta ecc. (dai un'occhiata al focus sui colori per trovare quello che fa per te!)

  • I PUNTI LUCE

    La posizione dei punti luce è fondamentale per valorizzare il monolocale poiché è la distribuzione dell'illuminazione a definire la destinazione d'uso dello spazio.

    Un corpo illuminante centrale definisce la zona giorno.

    Delle lunghe sospensioni a una sola lampada che puntano sui comodini possono identificare la zona notte.

  • GLI ARREDI

    L'arredamento deve essere funzionale alle esigenze abitative e all'ambiente che lo accoglie.

    Di sicuro occorre sfruttare tutto lo spazio possibile per creare capienza, senza creare ingombro.

    Sfruttare nicchie e riseghe per strutturare armadi e contenitori.

    La zona notte, a vista, può essere arredata con un letto contenitore o con un divano letto di facile apertura e chiusura con dello spazio interno per cuscini e coperte.

    Se si preferisce separare la zona giorno con la zona notte, si possono usare dei separè o delle sottili tende a soffitto, facendo attenzione a non chiudere troppo l'ambiente rendendolo angusto.


Commenti

  1. Bellissimo post da tenere presente, grazie mille per i suggerimenti utilissimi. Buon dicembre.
    sinforosa

    RispondiElimina
  2. Imteresante. Grazie per gli ottimi consigli.

    RispondiElimina
  3. Un'attenta analisi delle varie problematiche e delle relative soluzioni, davvero ben fatto!

    RispondiElimina

Posta un commento

La tua opinione è importante e può aiutare altri lettori del blog ad approfondire gli argomenti trattati. Lascia un tuo commento.

Post più popolari